Monthly Archives: ottobre 2018

ZONIN…il mercato della gente non dimentica…

Molte sono le segnalazioni che riceviamo tutte le settimane. Oggi vi proponiamo questa foto rilevando come, il mercato, agisca e reagisca molto più velocemente della Giustizia e delle sentenze. Vogliamo comunque ricordare che molti risparmiatori azzerati dalla Banca Popolare di Vicenza non possono permettersi neppure di acquistare una bottiglia di prosecco in offerta, non solo per la disperata situazione finanziaria in cui si trovano, ma anche perché, purtroppo, a 3 anni dall’inizio dello scandalo, non hanno ancora nulla per cui brindare… Ma il mercato della gente comune non dimentica…




Per dare risposta alle centinaia di telefonate che riceviamo …

Per dare risposta alle centinaia di telefonate che riceviamo che ci chiedono del fondo aspettiamo la MINI-COMMISSIONE annunciata dal Ministero anche in questo articolo… Perchè come nostra prassi ci basiamo sui fatti e non sul sentito dire…


Banche, da Ferrara la riscossa dei piccoli risparmiatori

Riportiamo qui sotto l’articolo integrale di Giuliana Ferraino sul Corriere. Leggete…:

https://www.corriere.it/economia/17_novembre_11/banche-ferrara-riscossa-piccoli-risparmiatori-90cb14b0-c724-11e7-99d7-14600f2d5761.shtml


Otto ore di serrata arringa oggi a Vicenza per difendere il Cav. Zonin

L’avv. Ambrosetti parte avvicinando la figura di Zonin a quella di Ettore nell’antica Troia facendo capire che a Vicenza c’è un processo disegnato su Zonin e gli altri per trovare un colpevole. Zonin è paragonato all’eroe Ettore che prende tutte le colpe della città e va in battaglia. Per cui Zonin è Ettore e la banca è Troia.
Pensiamo che, più che in senso letterario, il paragone sia azzeccato dal punto di vista letterale… cioè conveniamo non tanto sul fatto che Zonin sia Ettore, quindi l’eroe della città che si assume tutte le colpe e va in battaglia, ma siamo d’accordo sul fatto che la Banca sia stata Troia dal punto di vista letterale anzi, a guardare bene, possiamo dire che Popolare di Vicenza e Veneto Banca siano state più o meno come Sodoma e Gomorra.

Poi l’avv. Ambrosetti descrive in maniera molto dettagliata dal punto di vista processuale, come ci sarebbero delle colpe di altri soggetti che, secondo lui, dovrebbero risultare meglio… da Consob a Banca d’Italia, alla società di revisione di bilancio K.P.M.G. e su questo noi concordiamo pienamente e come il pelide Achille continuiamo la battaglia nn perché siamo eroici ed invulnerabili ma perché chi è nel giusto deve combattere senza paura
Poiché esulare Zonin da tutte le colpe è impensabile soprattutto, alla luce di quello che è stato l’atteggiamento dell’ex Presidente alla sua ultima assemblea quando le azioni sono passate da 62,5 a 48€, ha dimostrato con l’atteggiamento e con le frasi che ha usato di sapere bene che quel valore era sopravvalutato… Ergo…


Fase 2: ci dicono di smettere. Ma la verità non smette mai…

Vicenza, via Milano, a pochi metri dalla Stazione dei Treni


ANTEPRIMA ASSOLUTA: rigettata la richiesta in Cassazione di spostare Processo ZONIN & C

Anteprima assoluta… Rigettata la richiesta di spostare il processo a Zonin e soci da Vicenza.

I richiedenti condannati al pagamento delle spese processuali…

Grande vittoria dei risparmiatori….e dell’Associazione “Noi che credevamo nella BPVI” e in Veneto Banca … presente con pochissimi altri, grazie al gruppo di avvocati che ci segue, per dimostrare l’infondatezza della richiesta di spostamento e ottenere il rigetto così come è poi avvenuto.

Adesso la nostra richiesta è… AVANTI TUTTA CON IL PROCESSO !



2 Ottobre: il destino di migliaia di famiglie in Cassazione

Domani, 2 Ottobre 2018, a Roma presso la suprema Corte di Cassazione si terrà l’udienza in Camera di Consiglio per decidere sull’istanza di rimessione del processo per legittimo sospetto sollevata dagli imputati Giustini, Marin, Zigliotto e Zonin, i quali sostengono che a Vicenza non vi sia un clima sufficientemente sereno per giudicarli in modo imparziale e per questo chiedono che il processo sia trasferito a Trento.
L’associazione “Noi che credevamo nella banca popolare di Vicenza” sarà presente per opporsi a tale richiesta secondo molti infondata e chiedere che il processo penale rimanga a Vicenza poiché sarebbe un ulteriore schiaffo e perché aumenterebbe tempi e costi per i risparmiatori.