Category Archives: Articoli Associazione


Assemblea nazionale noichecredevamo del 9-2-2019 video integrale

Parte 1 di 10
Parte 2 di 10
Parte 3 di 10
Parte 4 di 10
Parte 5 di 10
Parte 6 di 10
Parte 7 di 10
Parte 8 di 10
Parte 9 di 10
Parte 10 di 10

Realizzato con le tecnologie di Adifly ( www.adifly.it ) e Soulrobox ( www.soulrobox.it )




Un giorno storico sta per arrivare…

Oggi, per i risparmiatori italiani e delle banche liquidate dal precedente Governo, sarà un giorno storico.
Sta infatti per essere approvata la norma collegata alla legge finanziaria che prevede indennizzi agevolati per i risparmiatori.
Enormi modifiche sono state apportate alla norma così come richiesto dalle poche associazioni impavide che hanno avuto il coraggio di fermare la vecchia norma Baretta e la precedente bozza dell’art 38 del MEF assolutamente inadeguate, ma che moltissime associazioni Istituzionali e in malafede promuovevano.
La norma infatti oggi risarcisce superando l’inefficienza dell’Arbitrato CONSOB, il solo reato di misseling, l’ingiusto ordine cronologico e riconosce diritto di rimborso anche ad artigiani e commercianti (così come solo noi abbiamo richiesto), e altre…
Non nascondiamo soddisfazione, poiché negli ultimi giorni il Governo ha sapientemente accettato il 90% delle nostre richieste di modifica, trovando nelle nostre critiche alla vecchia bozza e nelle nostre proposte, spunti di sostanziale miglioramento.
Riteniamo anche che siano solo strumentali le dichiarazioni di molti politici schierati, delle solite associazioni che erano favorevoli all’inutile norma Baretta, che evocano un possibile stop della norma da parte dell’Europa.
Abbiamo, infatti, in merito, validi motivi normativi e sociali per ritenere che l’Europa non fermerà la Legge e lo spiegheremo, assieme alle modalità di accesso, nella nostra prossima assemblea generale dei risparmiatori che terremo a fine gennaio.
Ringraziamo ancora una volta tutti coloro che ci hanno sostenuti e le associazioni, poche, che hanno avuto il coraggio di criticare la vecchia impostazione normativa per giungere a quella odierna e sosteniamo la parte di Governo attuale che ha avuto il coraggio di accettare le nostre osservazioni e portarle in Parlamento contro il volere di quei Poteri forti e massonici che fino ad oggi ci avevano azzerato.
Ci sarà ancora da fare nei prossimi giorni per i Decreti Attuativi e per tutto quanto riguarda i processi penali in corso e processi da instaurare ma…. Un giorno storico sta per arrivare in queste ore…… Grazie


Buone novità per i risparmiatori con il nuovo anno

Prima della fine dell’anno dovrà essere approvata la Legge di Bilancio appena approvata in Senato.

Se dovesse passare senza modifiche, con il nuovo anno ci saranno rimborsi per il 90% dei risparmiatori e per le piccole imprese.

Spiegheremo tutto in una unica assemblea probabilmente a Vicenza, in data da fissare.

Rimanete informati sul nostro sito e sulla nostra pagina facebook.

Cogliamo l’occasione per augurarvi Buone Feste.


Basta ascoltare chi è in palese conflitto di interessi

Ci giunge notizia dapiù parti che nelle prossime ore dovrebbe arrivare a Roma unadelegazione di “associazioni” di non risparmiatori con l’intento di suggerire al Governo un ritorno al passato.

Queste associazioni, infatti, vorrebbero proporre una norma che ritorni all’arbitrato ACF (arbitro della CONSOB) e al solo reato di misselling, punti questi ultimi, sorpassati dalla nuova bozza della Legge sui risparmiatori che ci è giunta.

Ovvio pensare, a questo punto, che la richiesta di un ritorno al passato non può riguardare l’interesse dei risparmiatori, ma solo quello dei professionisti interni a queste “associazioni”.

Chiediamo, pertanto, la democrazia della rappresentatività . Il Governo non può dare lo stesso peso a molte “associazioni” che rappresentatno pochissimi risparmiatori e poche associazioni che rappresentano moltissimi risparmiatori.

La nostra voce è una, ma riguarda più di 11.000 contatti e più di 2000 famiglie iscritte.

Chiediamo, perciò, che ci sia un miglioramento della bozza pervenutaci e non un ritorno al passato sulla linea di una norma che potrà piacere ai burocrati, ai politici venduti e alle “associazioni” dei professionisti ma, di certo, non piace alle associazioni dei risparmiatori.

Ora non è più tempo di ascoltare chi è in palese conflitto di interessi.