Category Archives: Articoli Associazione

Guardate cosa abbiamo scoperto !

http://www.mef.gov.it/ministro-uffici/uffici/consiglieri/documenti/Bugno_cv.pdf

Guardate cosa abbiamo scoperto. Questo è il C.V. della consigliera del Ministro Tria dott.ssa Bugno scaricabile dal sito del Ministero.

Come potete leggere, la dottoressa omette di essere stata membro del CdA di Banca Etruria.

Si, avete capito bene, proprio la consigliera del Ministro di quel Governo che ha tra i punti fondamentali la soluzione del problema dei risparmiatori azzerati. Perché la dottoressa ha omesso la sua partecipazione al CdA di Etruria ?????
Che sia una fake news o che lei stessa abbia ravvisato un conflitto di interesse scomodo da tenere nascosto agli italiani ???
Che sia per questo motivo che i decreti sui risparmiatori sono ancora fermi?

Che sia per questo che la prima norma presentata dal MEF di Tria alle associazioni dei risparmiatori a luglio 2018 conteneva uno scudo per Consob, Banca d’Italia e per tutti i membri dei CdA delle banche??? che NOI CI SIAMO RIFIUTATI DI AVVALLARE !

Una cosa quanto meno, degna di attenzione da parte delle istituzioni E DEL GOVERNO !!!

Renderemo noto tutto questo al Presidente del Consiglio Conte e ai due Vicepremier, poiché ci sono troppi conflitti di interesse all’interno del MEF che non conosciamo. Vogliamo vedere le carte che ci riguardano e i Decreti che il Ministro Tria sta TENENDO FERME

A questo punto il MEF per noi non è più garanzia di imparzialità.


Cui prodest…. Presidente verità è giustizia

Leggiamo in queste ore di uno stop del Presidente Mattarella alla nuova Commissione d’Inchiesta sulle Banche con Presidenza al Senatore Paragone. Lo stop sarebbe dovuto al timore che il colle esprime sul fatto che tale organo potrebbe destabilizzare e danneggiare il sistema bancario.

Siamo increduli nel leggere queste dichiarazioni del Quirinale, che già si era messo di traverso alla nomina del prof. Savona a capo del MEF, decisione che crediamo, ad oggi, abbia inficiato gravemente la soluzione del lodo dei rimborsi ai risparmiatori.
Crediamo infatti che il prof. Savona come Ministro ad oggi avrebbe già emanato i decreti attuativi bloccati al Ministero.

Per quanto riguarda la destabilizzazione del sistema da parte della Commissione, ci chiediamo quali verità e quali documenti non si vogliano rendere di pubblico dominio. Perché lo stesso Presidente non si è attivato così tanto fermamente anche a capire come si sia destabilizzato e quali danni abbia creato al sistema bancario e a tutti i risparmiatori l’errata decisione della Commissione Europea sul caso Tercas?

Quello che appare chiaro da tutto questo è la conferma di quanto sia stata telecomandata e inutile la precedente Commissione.

Per tutto quanto invitiamo pubblicamemte il Presidente a cambiare la propria incoerente posizione poiché la verità rafforza non indebolosce.

Esprimiamo comunque preoccupazione profonda per l’evolversi di tutta la vicenda inerente la sorte di tutti i risparmiatori.


Prossime settimane a Bruxelles

Abbiamo ricevuto conferma della Commissaria Vestager ad incontrare esponenti della nostra associazione di risparmiatori. L’appuntamento si terrà nel mese di Aprile. Stiamo cercando di organizzare una rappresentanza tra più associazioni di più banche da portare a Bruxelles.


Lettera risposta alla Commissaria Europea Margrethe Vestager

epa04524405 EU Commissioner for Competition Margrethe Vestager gives a press statement at European Commission headquarters in Brussels, Belgium, 11 December 2014. The Commission is reportedly fining envelope producers over 19 million euros in cartel settlement. EPA/JULIEN WARNAND

Vicenza, 13/03/2019

Pregiatissimo Commissario, leggiamo e riportiamo la sua risposta alla richiesta dell’On. Borelli per farci avere un incontro allargato con lei..

Comunque, preferiamo mantenere le discussioni tra il commissario e il deputato del Parlamento Eeuropeo a livello politico. Pertanto chiediamo gentilmente al signor Borrelli di portare il suo assistente o il suo consulente all’incontro. Come regola generale, non accettiamo i lobbisti nelle riunioni con i Parlamentari Europei, indipendentemente dal fatto che provengano dall’industria o dalle ONG. Spero che il signor Borrelli possa accettare questa nostra limitazione.”

Non le nascondiamo lo stupore nel leggere di essere stati paragonati a dei lobbisti.

Ma davvero la Commissione Europea è così distante dalla società reale da non capire la differenza tra dei lobbysti e dei normali risparmiatori riuniti spontaneamente per tutelare i propri diritti lesi?

Sono forse dei lobbysti per lei o per la commissione europea i gilet gialli che protestano in Francia e Belgio?

I risparmiatori italiani le assicuro non lo sono. Le associazioni spontanee che abbiamo creato per tutelarci neppure.

Siamo solo l’espressione civile e sociale di un disagio che non è identificato né tra i partiti né tra le Istituzioni né dalle lobby dei potenti, quel tipo di disagi che, se inascoltati, arrivano a farti indossare dei gilet gialli appunto e scendere in strada per compiere atti estremi che normalmente non si farebbero.

Quello che noi vogliamo è ripristinare i nostri diritti calpestati, riavere la dignità che ci è stata tolta, assieme ai nostri risparmi che rappresentavano il nostro lavoro e il nostro sudore.

Non chiediamo nulla di più di ciò che ci è stato tolto.

La invitiamo a rivedere la sua posizione e ci sconcerta e preoccupa un’Europa burocratica che non distingue tra cittadini e lobbysti, la preghiamo di accettare la nostra richiesta di incontro tra voi Istituzione Europea che influisce sui nostri diritti e noi cittadini.

Cordialmente
Luigi Ugone
presidente Associazione “noi che credevamo…”

noichecredevamonellabpvi.com/docs/2019_03_13_lettera2-commissaria-europea-Margrethe-Vestager.pdf


Decreti attuativi: nostre proposte

Abbiamo inviato le nostre correzioni e osservazioni per il miglioramento ed esemplificazione del Decreto Attuativo sulle linee guida, cercando di snellire il più possibile le modalità di accesso. Auspichiamo che vengano prese in considerazione al fine di garantire tutta la platea di risparmiatori. Fondamentale per non lasciare indietro nessuno.


Mercoledì 20/2 dal Ministro della Giustizia on. Alfonso Bonafede

Mercoledì una delegazione della nostra associazione sarà ricevuta dal Ministro Bonafede per parlare della situazione dei tribunali di Vicenza e Treviso.
Abbiamo fatte nostre, infatti, le istanze dei Presidenti dei due fori che evidenziano mancanze strumentali e di personale amministrativo per poter fare fronte in maniera adeguata ai due maxi processi che riguardano le due Banche Venete.
I Tribunali delle due città oltre alla normale gestione si trovano a gestire entrambi maxiprocessi con moltissime carte e parti civili, e non solo. Ricordiamo inoltre che a Vicenza oltre alla Popolare tra poco sarà incardinato anche il processo sui famosi PFAS con altre migliaia di parti civili possibili.
Non ci possiamo permettere quindi carenze (personale amministrativo… Beni strumentali) che compromettano la giusta gestione e il buon fine di questi processi.



Assemblea nazionale noichecredevamo del 9-2-2019 video integrale

Parte 1 di 10
Parte 2 di 10
Parte 3 di 10
Parte 4 di 10
Parte 5 di 10
Parte 6 di 10
Parte 7 di 10
Parte 8 di 10
Parte 9 di 10
Parte 10 di 10

Realizzato con le tecnologie di Adifly ( www.adifly.it ) e Soulrobox ( www.soulrobox.it )




Un giorno storico sta per arrivare…

Oggi, per i risparmiatori italiani e delle banche liquidate dal precedente Governo, sarà un giorno storico.
Sta infatti per essere approvata la norma collegata alla legge finanziaria che prevede indennizzi agevolati per i risparmiatori.
Enormi modifiche sono state apportate alla norma così come richiesto dalle poche associazioni impavide che hanno avuto il coraggio di fermare la vecchia norma Baretta e la precedente bozza dell’art 38 del MEF assolutamente inadeguate, ma che moltissime associazioni Istituzionali e in malafede promuovevano.
La norma infatti oggi risarcisce superando l’inefficienza dell’Arbitrato CONSOB, il solo reato di misseling, l’ingiusto ordine cronologico e riconosce diritto di rimborso anche ad artigiani e commercianti (così come solo noi abbiamo richiesto), e altre…
Non nascondiamo soddisfazione, poiché negli ultimi giorni il Governo ha sapientemente accettato il 90% delle nostre richieste di modifica, trovando nelle nostre critiche alla vecchia bozza e nelle nostre proposte, spunti di sostanziale miglioramento.
Riteniamo anche che siano solo strumentali le dichiarazioni di molti politici schierati, delle solite associazioni che erano favorevoli all’inutile norma Baretta, che evocano un possibile stop della norma da parte dell’Europa.
Abbiamo, infatti, in merito, validi motivi normativi e sociali per ritenere che l’Europa non fermerà la Legge e lo spiegheremo, assieme alle modalità di accesso, nella nostra prossima assemblea generale dei risparmiatori che terremo a fine gennaio.
Ringraziamo ancora una volta tutti coloro che ci hanno sostenuti e le associazioni, poche, che hanno avuto il coraggio di criticare la vecchia impostazione normativa per giungere a quella odierna e sosteniamo la parte di Governo attuale che ha avuto il coraggio di accettare le nostre osservazioni e portarle in Parlamento contro il volere di quei Poteri forti e massonici che fino ad oggi ci avevano azzerato.
Ci sarà ancora da fare nei prossimi giorni per i Decreti Attuativi e per tutto quanto riguarda i processi penali in corso e processi da instaurare ma…. Un giorno storico sta per arrivare in queste ore…… Grazie