Category Archives: Comunicati stampa

Fino in “fondo”

Mentre molte associazioni amiche del passato regime continuano a sostenere il fondo Baretta come unica soluzione al disagio creato dalle banche venete – Fondo che ribadiamo non risolve nulla e, per capirlo, basta leggere la Legge che lo ha creato – … “Noi che credevamo…”, l’associazione più numerosa di piccoli azionisti banche venete, ha raccolto e inoltrato 1000 atti di costituzione in mora nei confronti di Consob dopo quelli inviati le settimane scorse nei confronti di Banca intesa.
Tutto questo a dimostrare che secondo noi, le strade da perseguire per avere giustizia per noi risparmiatori sono molte e devono essere percorse tutte!


Uno dei tanti articoli che inducono a credere che l’ACF sia risolutiva

https://newsicilia.it/cronaca/pensionato-vince-battaglia-legale-banca-costretta-al-risarcimento/342740

La vera notizia sarebbe se banca Intesa ottemperasse ai giudizi dell’ACF ai quali non è obbligata in nessun modo ad adeguarsi. Invitiamo tutti i media a non vendere false speranze a risparmiatori già spossati per la lunga battaglia.

Noi attendiamo, fiduciosi, novità dal Governo Conte, che ha promesso di superare il fondo Baretta e tutti i suoi limiti per una nuova misura di risarcimento che valga per tutti.

Inoltre riteniamo necessaria un’azione diretta contro Banca Intesa (a cui abbiamo già inviato 1000 messe in mora) e chiamare in giudizio i due enti responsabili del mancato controllo.


Oggi positivo incontro al MEF

Category : Comunicati stampa

Incontro positivo oggi al MEF dove i sottosegretari, On. Bitonci e On. Villarosa, si sono dimostrati aperti ad ascoltare tutti, pur nel riserbo di verificare la rappresentatività di ognuna delle associazioni presenti, cosa che condividiamo pienamente. Nella sostanza la discussione sulla criticità del fondo Baretta sono state moltissime. Il fronte delle associazioni che chiedono una norma di risarcimento nuova e concreta si sta ampliando dal Veneto alla Toscana. Numerose le contraddizioni fra le poche associazioni rimaste favorevoli e fedeli al fondo PD-Baretta.
“Noi che credevamo…” esprime la propria soddisfazione perché molte associazioni stanno convergendo nell’idea che il fondo Baretta è nato male e che una nuova misura di risarcimento vera e reale sia l’unica risposta ai risparmiatori azzerati.


Messe in Mora a Banca Intesa

Category : Comunicati stampa

Gli avvocati Andrea Filippini, Ternullo Francesco, Franco Rainaldi e altri, avendone ricevuto mandato da circa mille risparmiatori dell’Associazione Noi che credevamo nella Popolare di Vicenza e in Veneto Banca, stanno in queste ore inviando a nome e per conto dei loro assistiti, a Intesa San Paolo, distinti atti di costituzione in mora ai fini dell’interruzione della prescrizione e quindi della conservazione dei loro diritti risarcitori.

Ciò serve ad evitare che i tempi ancora necessari alla raccolta della documentazione contenente gli elementi probatori necessari all’esperimento delle azioni giudiziarie e alla definizione e organizzazione delle azioni legali possano precludere il risarcimento.

Si ritiene infatti che il soggetto sopra esposto (banca intesa) possa essere chiamato in giudizio a rispondere dei danni subiti dagli azionisti e obbligazionisti della Banca Popolare di Vicenza.


Incontro con il Ministro Salvini – 14/7 Oppeano (VR)

Un particolare ringraziamento al Consigliere Regionale #AlessandroMontagnoli per aver agevolato, sabato scorso 14/7 ad Oppeano (VR), il nostro incontro personale con il Ministro dell’Intero #Salvini a cui abbiamo presentato i documenti, sottoscritti dalle associazioni più rappresentative, per una #NuovaMisuraDiRisarcimento senza paletti di reddito e di data acquisto azioni… per persone fisiche e società truffate delle banche venete…


Fondo Baretta INUTILE: ma ancora non tutti l’hanno capito…

Articolo di Renzo Mazzaro, Il Mattino di Padova… 14 Luglio, 2018…
Leggendo la parte evidenziata, dalla domanda del giornalista, si evince in maniera netta che ancora non si sia capita la portata limitatissima dell’INUTILE fondo Baretta per il ristoro dei risparmiatori truffati dalle banche… A noi associazioni che rappresentano migliaia di risparmiatori preoccupa che anche giornalisti esperti non colgano (o non vogliono cogliere) che il problema è che la platea degli aventi diritto, nel caso delle Banche Venete infatti, è insistente… In questo Decreto, si parla di vittime da reato finanziario bancario e in Veneto, oggi, non esistono sentenze di vittima o reato… Inoltre siamo, per detta degli stessi giornalisti, a forte rischio prescrizione dei reati cosicché il fondo Baretta non avrà nessun avente diritto risparmiatore delle 2 Banche Venete.. Chiaro…???!!!???


Misura di Risarcimento: sempre più associazioni


Sempre più associazioni si stanno unendo alla nuova Misura di Risarcimento nata dalle associazioni più rappresentative si risparmiatori … Noi che credevamo… Coordinamento Don torta… avv. Bertelle… avv. Calvetti… Adusbef ecc.
Una nuova misura che punta a ristorare risparmiatori e attività produttive che hanno creduto nelle Banche Venete e nel sistema che doveva controllarle.


Finalmente un documento condiviso da presentare al Governo Conte

Finalmente abbiamo un documento condiviso tra le associazioni più rappresentative di soci delle popolari venete per una misura di risarcimento equa per “persone fisiche” e per le “persone giuridiche”… da presentare al Governo Conte.


STORICA DECISIONE

Category : Comunicati stampa

Apprendiamo in questi minuti della dichiarazione da parte del tribunale di Treviso dello stato di insolvenza per quanto riguarda Veneto Banca .
QUESTA decisione apre buone prospettive per i migliaia di risparmiatori caduti nelle maglie delle banche venete, ma sopratutto, permette di poter vagliare nuovi reati nella gestione della stessa.
Crediamo inoltre sia necessaria una valutazione delle scelte aziendali che l’istituto ha avuto negli ultimi mesi prima della liquidazione voluta dallo scorso Governo, perché molti sono i dubbi che ci attanagliano sulla bontà delle stesse scelte.
Chiediamo inoltre che anche per la popolare di Vicenza arrivi il momento delle decisioni dei tribunali… i risparmiatori e la storia ce lo chiedono a gran voce.


CSM nega rientro a Cecilia Carreri

Apprendiamo in queste ore della decisione da parte del CSM di negare il rientro dell’ex Magistrato Cecilia Carreri. Esprimiamo la nostra amarezza per tale decisione senza entrare nel merito, ma facciamo una semplice considerazione: è infatti indiscutibile il fiuto che l’ex Magistrato ha dimostrato nell’indagare su una vicenda quella di Popolare di Vicenza che all’epoca della sua inchiesta sembrava un regno ovattato e dorato.
Quel fiuto di indagare avrebbe potuto evitare l’abisso della banca e il disastro economico del nostro territorio.
Evidenziamo comunque che un processo penale è oggi in corso e ci dichiariamo come Associazione assolutamente disponibili ad ascoltare e validare qualunque suggerimento in merito l’ex Magistrato volesse fornirci.