Category Archives: Rassegna stampa

  • -

Bail-in all’italiana

Per mesi ci hanno spiegato che il Bail-in serviva per non far pagare allo Stato i conti in rosso delle banche, ma solo agli azionisti, agli obbligazionisti e ai correntisti per l’importo eccedente i 100.000€.
E adesso è cambiato tutto? paghiamo TUTTI ?!


  • -

  • -

Wall Street Journal

wsj

The Banker Who Is No Longer Welcome in Restaurants

One midsize lender’s travails highlight Italy’s struggle to resuscitate its troubled banks

gianni-zonin-1Gianni Zonin resigned as chairman of Banca Popolare di Vicenza, as the Italian bank was dogged by bad loans, thin capital and questions about the legality of some business practices. Photo: Cesareo/Fotogramma/Ropi/ZumaPress

VICENZA, Italy—To mark the 150th anniversary of Banca Popolare di Vicenza SpA, Executive Chairman Gianni Zonin rented out a local convention center to host a high-profile conference that would be attended by Italy’s top finance executives.

It never happened. Mr. Zonin resigned in November, his bank dogged by bad loans, thin capital and questions about the legality of some business practices. The bank, which had planned to open its 1,000th branch this year, instead will close 150 and is likely to be swallowed up by a stronger competitor.

The afflictions of a midsize bank in this ancient northeastern Italian town are emblematic of the banking crisis that still plagues the eurozone’s third-largest economy — as well as other spots across the continent. In a move to clean up the sector, Italy struck a deal with the European Commission late Tuesday that will help its banks bundle up their bad loans and sell them off via new securities with government guarantees.

The agreement with the European Union’s executive arm is aimed at restoring the banking sector’s health and giving a boost to Italy’s economic recovery. But it will be a big job for a government that has been trying without much success to defuse the problem. One question is the affordability of the government guarantees, which according to the deal have to be priced at market rates.

Six years after the sovereign-debt crisis first gripped the eurozone, Italy’s banking system is choking. An index of Italian bank shares slumped nearly 25% at the start of this year, during a period when European bank stocks were down 17%, although it partly rebounded last week.

Italian banks are among the Continent’s least profitable, and their books are clogged with €276 billion ($299 billion) of bad loans, more than any other European country, according to the European Banking Authority. Many banks don’t make enough money to write off the poor loans, so they fester—prolonging the mess and making it harder for banks to make loans.

Italy’s struggles underscore the glacial pace of banking overhaul across Europe. Despite years of restructuring, bankers and investors still point to pockets of undercapitalized European banks, which could need to raise up to $35 billion of equity this year, according to Citigroup analysts. Deutsche Bank AG and Austria’s Raiffeisen Bank are among those that bankers and analysts suspect might have to raise capital. A Raiffeisen spokesman said the bank has no plans to do so. A Deutsche Bank spokesman declined to comment.

But the problems are most pronounced in Italy, which suffers from a highly fragmented and overextended banking system. And Banca Popolare di Vicenza is an object lesson in how those problems have played out. Prosecutors have opened a criminal investigation. Hundreds of workers are losing their jobs.

Mr. Zonin, a 78-year-old wine producer, has gone from respected leader to pariah, banned from a half-dozen restaurants and heckled at his church, residents say.

“If I see Mr. Zonin on the street, I take a side street,” said  Luigi Ugone, a bank shareholder who was recently part of a protest against the bank in the center of Vicenza. “I don’t even want to see him.”

Through a lawyer, Mr. Zonin declined to comment. A Popolare di Vicenza spokeswoman declined to comment.

Like other Italian banks, Banca Popolare di Vicenza came through the financial crisis largely unscathed, touting its close ties to local businesses in the rich Veneto region.

Under Mr. Zonin, it continued to snap up local competitors. The bank was a key part of the local fabric, sponsoring the city’s soccer team and helping pay for a theater. A Vicenza taxi driver said he and his colleagues used to pick up flowers and other gifts from shops in the town center and bring them to Mr. Zonin’s house.

But as Italy’s economy slowed, the bank struggled to raise funds to pass a 2014 financial-health exam. As a mutual, it didn’t have publicly traded shares that it could sell to drum up cash. Instead, Popolare di Vicenza sold its unlisted shares to retail customers, sometimes as a condition for getting a loan, according to customers and their lawyers. The bank declined to comment.

At first, Popolare di Vicenza appeared to have scraped by the test. But the European Central Bank probed its numbers. The bank previously disclosed that it had issued €975 million of loans linked to the purchase of its shares. The regulator ordered it to deduct the amount raised from its capital base, arguing that those shares represented lower-quality capital. As a result, its capital buffers fell below the required minimum levels, it said.

Shareholders sued, claiming they were duped into buying the shares. Mr. Zonin started using a side entrance to access the bank’s headquarters to avoid angry locals. Police raided its offices, according to Popolare di Vicenza.

“This is the bank which worked most with local companies and households,” said Antonino Cappelleri, head of the Vicenza prosecutors’ office. “If shares are bound to lose two-thirds of their value, it will be a disaster for the local economy.”

Mr. Zonin stepped down as chairman in November. He and three other former executives are under investigation over alleged stock manipulation, obstructing regulators and extortion, according to a person familiar with the investigation. Mr. Zonin and the three former executives declined to comment.

The bank’s new management is rushing to convert Popolare di Vicenza into a limited company and then to sell €1.5 billion of equity and eventually find another bank to merge with.

Executives are touring northern Italy to convince shareholders to support the change, but they are encountering resistance from locals who fear the impact on the Vicenza economy.

“If it happens, we will lose all our money,” says Daniele Marangoni, an unemployed 47-year-old who says he acquired shares as a condition of getting a loan.

Locals are no longer delivering flowers to Mr. Zonin’s house.

At a recent Sunday mass, residents in the area said fellow churchgoers loudly heckled the deposed executive.

Write to Giovanni Legorano at giovanni.legorano@wsj.com and Max Colchester at max.colchester@wsj.com

You can read the original article on:

http://www.wsj.com/articles/italy-scrambles-to-resuscitate-banks-1453810527#livefyre-comment


  • -

Pirro, al confronto, era un dilettante

Vi riproponiamo un servizio andato in onda su Ballaro – RAI3 lo scorso 22/09/2015 per chiedere voi se capite quale tipo di vittoria sia stata portata a casa ieri, 5 marzo 2016 !?!?!? Per noi, solo una vittoria di Pirro.

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c6746472-9252-40b1-93c4-933aae2029eb.html


  • -

  • -

VE L’AVEVAMO DETTO

Ecco la fantomatica, l’immaginaria lettera BCE che prima sarebbe arrivata a Veneto Banca (e nessuno l’ha mai vista!) e ora sarebbe arrivata anche a BpVi.
 
E visto che il giornale di cui sopra si permette una “traduzione libera”, noi ci permettiamo di darvene traduzione dal “gergo giornalistico” –> all’italiano.
 
Scrive il giornale:
si renderebbe necessario adottare misure di vigilanza
 
1) se l’italiano non è un’opinione, il tempo condizionale significa “POSSIBILITA’” e non certezza. Per cui, in realtà, c’è scritto che potrebbe anche “non rendersi necessaria
 
2) Poi chiedetevi: cosa significa “misure di vigilanza”? Che arriva un vigile? Che arriva un commissario? Ma, carissimi, un commissario C’E’ GIA’, non è nemmeno socio e si chiama dr. Iorio.
 
Tante parole per un “NON FATTO” !!!
 
E, comunque, VE L’AVEVAMO DETTO più di 2 mesi fa che sarebbe arrivata (ma è mai partita?) questa missiva !
 
Francamente, dai nostri giornali locali, ci attendiamo (all’indicativo presente), in un sussulto di deontologia professionale, un po’ più di originalità, di franchezza e di chiarezza.

  • -

Sto rischiando qualcosa? Bail-in

#‎popolarevicenza‬ ‪#‎bancapopolaredivicenza‬ ‪#‎azionistipopolarevicenza‬ ‪#‎correntistipopolarevicenza‬ ‪#‎azionistivenetobanca‬ ‪#‎correntistivenetobanca‬ ‪#‎azionistibpvi‬ ‪#‎correntistibpvi‬ ‪#‎azionistibanche‬ ‪#‎cdabancapopolarevicenza‬ ‪#‎ricapitalizzazionebpvi‬ ‪#‎bce‬ ‪#‎bailin‬ ‪#‎fallimentobanche‬ ‪#‎obbligazioni‬ ‪#‎zonin‬ ‪#‎giannizonin‬ ‪#‎iorio‬ ‪#‎sorato‬ ‪#‎zigliotto‬ ‪#‎dossena‬ ‪#‎bonante‬ ‪#‎cappelli‬
 
Più di qualcuno, quasi giornalmente ormai, ci telefona chiedendo cose molto precise come ad esempio:
  • ho un conto corrente
  • ho obbligazioni che scadono nel 2018
  • ho un mutuo
  • ho un fido
  • ecc

con Banca Popolare di Vicenza.

Sto rischiando qualcosa?

La risposta è tanto semplice quanto sconfortante (almeno dal nostro punto di vista) e, tanto per intenderci è della serie:

DIPENDE DA TANTI FATTORI

Sta di fatto che il bail-in colpisce rispettivamente:

  • azioni
  • obbligazioni subordinate
  • obbligazioni non subordinate
  • conti correnti

E una mini guida abbastanza chiara la trovi in questo documento PDF dell’ABI (Associazione Banche Italiane)

Se lo leggi, però, capisci che il punto è un altro

Fino ad oggi siamo stati abituati a considererare i nostri soldi come un affare nostro, interno alla famiglia, una cosa riservata di cui andare a parlare, magari anche sottovoce, con il consulente di banca … perché nessuno doveva sapere quanti soldi abbiamo in cassa.

Oggi tutto questo questo, in una notte, è finito.

Oggi i soldi che hai in banca non sono più un segreto per nessuno e, domani mattina, potrebbero non esserci nemmeno più. E non sto dicendo una cosa tanto per dire. Abbiamo un sacco di persone che ci chiamano e ci dicono che le loro obbligazioni sono sicure perché sono obbligazioni senior. Auguri gente, ma non di buon anno. Auguri di buona fortuna.

E un altro punto fondamentale è che:

I titoli bancari, di qualsiasi grado essi siano,
non sono titoli di risparmio ma di rischio

Sappiatelo. E ora che lo sapete, fate quello che meglio pensate.

Ma allora dove metto i miei soldi?

Bella domanda. La realtà è che non ti è più permesso di essere disinformato. Quando vai in banca:

  • devi sapere che banca è
  • devi essere informato sullo stato di benessere di quella banca
  • devi capirci un po’ di finanza per comprendere che non esistono “azioni sicure”, “obbligazioni sicure”, “fondi sicuri” ecc.
  • devi comprendere che è quasi tutto a rischio, spesso anche quello con garanzia da parte dello Stato (vedi Grecia!)

Di fatto, se passeranno in relativo silenzio ( o sotto la censura che oggi sta imperando ) i fatti che stanno interessando una quindicina di Banche Italiane, non ultime Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, non ci sarà banca in cui potrai mettere i tuoi soldi sperando poi di poter dormire sonni tranquilli.

Ci sarà sempre il timore di aver firmato un pacco di carte scritte in piccolino e ritrovarsi poi trasformato il proprio gruzzolo di soldi in un mucchio di carta straccia.

Troppo catastrofismo?

Ci davano dei pazzi anche quando dicevamo che le azioni di Banca Popolare di Vicenza non valevano 48€ ma forse 10€ illiquide e senza fondo di garanzia.

Oggi è una realtà. Al posto di 48 potreste scriverci ZERO e non cambierebbe di molto. Tanto sono, appunto, illiquide e senza fondo di garanzia cioè non si possono vendere (e anche se ci provate nessuno le compera) e la banca non può riacquistarle.

E se Banca Popolare di Vicenza andrà in SPA e poi in Borsa, sarà solo peggio. Garantito al limone.

E non diteci poi che non ve l’avevamo detto, che non pensavate, che “vi avevano detto che…”

 

 


  • -

Difficoltà e incertezze operazione SPA

Category : Rassegna stampa

Se leggi l’articolo, di cui sotto, di ieri 5 gennaio 2016 del Giornale di Vicenza (basta ci clicchi sopra l’immagine e si ingrandisce) capirai come l’operazione di passaggio in SPA sia tutt’altro che una cosa semplice e scontata.

Se prima era una possibilità, ora Votare #NOSPA alla prossima assemblea del 19 marzo è un dovere!

Non ti spaventare se in Veneto Banca non ci sono riusciti. Lì la disinformazione ha fatto da padrona e anche le poche associazioni per il #NOSPA che c’erano hanno cambiato idea all’ultimo momento. Non vogliamo chiederci perché: sarebbe troppo facile pensar male.

Buona lettura.

2016_01_05_BpVi_e_Veneto_Banca_la_mappa_x_la_borsa