Assemblea per firmare le dimissioni dei vertici di BpVi

  • -

Assemblea per firmare le dimissioni dei vertici di BpVi

_2016_05_28_volantino_assemblea_150dpiAssemblea per firmare la richiesta di dimissioni dei vertici di BpVi e chiedere i danni

circa 1200 posti a sedere con ampio parcheggio gratuito. Entrata libera.
Vuoi stampare e distribuire qualche volantino per tuo conto?
Chiediceli e te li spediremo. Oppure CLICCA QUI
e preleva il volantino in formato PDF A5 su 2 A4 e stampa…

… e, in ogni caso: condividi condividi e condividi.


  • -

2016_03_23 Comunicato Stampa

bpviRestiamo indignati dal fatto che le promesse di questa governance hanno le stesse fondamenta delle promesse della vecchia governance, scandalizzati dal fatto che, al contrario di quanto promesso, non si sia data priorità all’azione di responsabilità come punto all’ordine del giorno della prossima assemblea del 26/3 di Banca Popolare di Vicenza, come invece lasciato intendere più volte dai vertici della Banca.

Impossibile per noi, piccoli e medi azionisti, oggi, votare SI a un bilancio che prevede compensi milionari a una governance che ha distrutto il 90% del valore della Banca.


  • -

Wall Street Journal

wsj

The Banker Who Is No Longer Welcome in Restaurants

One midsize lender’s travails highlight Italy’s struggle to resuscitate its troubled banks

gianni-zonin-1Gianni Zonin resigned as chairman of Banca Popolare di Vicenza, as the Italian bank was dogged by bad loans, thin capital and questions about the legality of some business practices. Photo: Cesareo/Fotogramma/Ropi/ZumaPress

VICENZA, Italy—To mark the 150th anniversary of Banca Popolare di Vicenza SpA, Executive Chairman Gianni Zonin rented out a local convention center to host a high-profile conference that would be attended by Italy’s top finance executives.

It never happened. Mr. Zonin resigned in November, his bank dogged by bad loans, thin capital and questions about the legality of some business practices. The bank, which had planned to open its 1,000th branch this year, instead will close 150 and is likely to be swallowed up by a stronger competitor.

The afflictions of a midsize bank in this ancient northeastern Italian town are emblematic of the banking crisis that still plagues the eurozone’s third-largest economy — as well as other spots across the continent. In a move to clean up the sector, Italy struck a deal with the European Commission late Tuesday that will help its banks bundle up their bad loans and sell them off via new securities with government guarantees.

The agreement with the European Union’s executive arm is aimed at restoring the banking sector’s health and giving a boost to Italy’s economic recovery. But it will be a big job for a government that has been trying without much success to defuse the problem. One question is the affordability of the government guarantees, which according to the deal have to be priced at market rates.

Six years after the sovereign-debt crisis first gripped the eurozone, Italy’s banking system is choking. An index of Italian bank shares slumped nearly 25% at the start of this year, during a period when European bank stocks were down 17%, although it partly rebounded last week.

Italian banks are among the Continent’s least profitable, and their books are clogged with €276 billion ($299 billion) of bad loans, more than any other European country, according to the European Banking Authority. Many banks don’t make enough money to write off the poor loans, so they fester—prolonging the mess and making it harder for banks to make loans.

Italy’s struggles underscore the glacial pace of banking overhaul across Europe. Despite years of restructuring, bankers and investors still point to pockets of undercapitalized European banks, which could need to raise up to $35 billion of equity this year, according to Citigroup analysts. Deutsche Bank AG and Austria’s Raiffeisen Bank are among those that bankers and analysts suspect might have to raise capital. A Raiffeisen spokesman said the bank has no plans to do so. A Deutsche Bank spokesman declined to comment.

But the problems are most pronounced in Italy, which suffers from a highly fragmented and overextended banking system. And Banca Popolare di Vicenza is an object lesson in how those problems have played out. Prosecutors have opened a criminal investigation. Hundreds of workers are losing their jobs.

Mr. Zonin, a 78-year-old wine producer, has gone from respected leader to pariah, banned from a half-dozen restaurants and heckled at his church, residents say.

“If I see Mr. Zonin on the street, I take a side street,” said  Luigi Ugone, a bank shareholder who was recently part of a protest against the bank in the center of Vicenza. “I don’t even want to see him.”

Through a lawyer, Mr. Zonin declined to comment. A Popolare di Vicenza spokeswoman declined to comment.

Like other Italian banks, Banca Popolare di Vicenza came through the financial crisis largely unscathed, touting its close ties to local businesses in the rich Veneto region.

Under Mr. Zonin, it continued to snap up local competitors. The bank was a key part of the local fabric, sponsoring the city’s soccer team and helping pay for a theater. A Vicenza taxi driver said he and his colleagues used to pick up flowers and other gifts from shops in the town center and bring them to Mr. Zonin’s house.

But as Italy’s economy slowed, the bank struggled to raise funds to pass a 2014 financial-health exam. As a mutual, it didn’t have publicly traded shares that it could sell to drum up cash. Instead, Popolare di Vicenza sold its unlisted shares to retail customers, sometimes as a condition for getting a loan, according to customers and their lawyers. The bank declined to comment.

At first, Popolare di Vicenza appeared to have scraped by the test. But the European Central Bank probed its numbers. The bank previously disclosed that it had issued €975 million of loans linked to the purchase of its shares. The regulator ordered it to deduct the amount raised from its capital base, arguing that those shares represented lower-quality capital. As a result, its capital buffers fell below the required minimum levels, it said.

Shareholders sued, claiming they were duped into buying the shares. Mr. Zonin started using a side entrance to access the bank’s headquarters to avoid angry locals. Police raided its offices, according to Popolare di Vicenza.

“This is the bank which worked most with local companies and households,” said Antonino Cappelleri, head of the Vicenza prosecutors’ office. “If shares are bound to lose two-thirds of their value, it will be a disaster for the local economy.”

Mr. Zonin stepped down as chairman in November. He and three other former executives are under investigation over alleged stock manipulation, obstructing regulators and extortion, according to a person familiar with the investigation. Mr. Zonin and the three former executives declined to comment.

The bank’s new management is rushing to convert Popolare di Vicenza into a limited company and then to sell €1.5 billion of equity and eventually find another bank to merge with.

Executives are touring northern Italy to convince shareholders to support the change, but they are encountering resistance from locals who fear the impact on the Vicenza economy.

“If it happens, we will lose all our money,” says Daniele Marangoni, an unemployed 47-year-old who says he acquired shares as a condition of getting a loan.

Locals are no longer delivering flowers to Mr. Zonin’s house.

At a recent Sunday mass, residents in the area said fellow churchgoers loudly heckled the deposed executive.

Write to Giovanni Legorano at giovanni.legorano@wsj.com and Max Colchester at max.colchester@wsj.com

You can read the original article on:

http://www.wsj.com/articles/italy-scrambles-to-resuscitate-banks-1453810527#livefyre-comment


  • -

23 gen 2016: Convegno a Bologna con il dr. Lugano e avv. Pecchioli

2016_01_23_Incontro_Bologna_onlineOrganizzato con il supporto e partecipazione di 4 associazioni/coordinamenti diversi, rispettivamente:

Associazione “Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza”

Associazione “Azionisti Associati Banca Popolare di Vicenza”

Coordinamento “Associazioni Banche Popolari Venete (Don Torta)”

Associazione “VITTIME DEL SALVA-BANCHE”

presso Zanhotel, Via Saliceto, 8, 40010 Bentivoglio BO –Telefono:051 865 8911

è un appuntamento da non perdere per chi vuole informarsi seriamente sulla situazione delle Banche Popolari, sui fatti che vi sono dietro a tante parole, su cosa è veramente successo e specialmente su cosa succederà e sulle molteplici prospettive che vi sono oltre all’unica via d’uscita prospettata da Consigli di Amministrazione (C.d.A) che hanno portato le Banche nella situazione in cui sono, interessati solo a coprire il danno e a far cambiare pagina a scapito di migliaia di piccoli azionisti.

L’evento è ad entrata gratuita ma con registrazione obbligatoria di chi non si è ancora prenotato e subordinata alla capienza della sala.

Per informazioni: Daniele Marangoni 392 111 2041

Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza ha allestito un pulman che parte dal parcheggio grande di VI-EST (quello che si vede a sinistra quando si esce dall’autostrada e che si può raggiungere facendo il giro della rotonda e ritornando verso l’autostrada) con ritrovo alle 07:30 e partenza alle 07:45.

Il ritorno è previsto alla fine del convegno (13:00 circa). Il costo soci è di 5€. Il costo per i non soci di “Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza” è di 10€.

Per info e per prenotazioni contatta sempre Daniele Marangoni 392 111 2041 che si occupa dell’organizzazione logistica


  • -

NO SPA

Carissimi, buona giornata a tutti.

La nostra Associazione, “Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza”, nasce per tutelare il potere degli azionisti all’interno della Banca, sicuri, come dimostrato da vicende analoghe (Banca Etruria, Veneto Banca ecc.) che, allo stato dei Piano Industriale attuale, la trasformazione in Società per Azioni porterà all’annullamento del potere del singolo socio, alla diminuzione tragica e inevitabile del valore delle azioni che, illiquide, saranno praticamente azzerate nel valore.

Per questo motivo, la nostra scelta di votare #NOSPA per affermare, come da Statuto e spirito di una Banca Popolare, il valore del territorio e dei suoi azionisti.

Una scelta che apre molte possibilità, una scelta che valorizza il territorio, la sua storia, le sue persone.


  • -

L’11 gennaio si ricomincia …

Ricominciamo con gli incontri …

o-o-o

Innanzitutto vogliamo ringraziare tantissimo tutti quelli che si stanno impegnando con noi per:

  • passar parola
  • pubblicizzare la nostra associazione e i nostri incontri
  • distribuire volantini
  • fare iscrizioni
  • ecc

Non voglio fare nomi perché farei sicuramente torto a qualcuno ma, credeteci, abbiamo con noi persone meravigliose e ingambissima !!!
o-o-o-o

Detto questo Mario il primo invito che ti facciamo con questa email è di consultare la sezione INCONTRI del nostro sito. Il primo incontro è a Loria lunedì prossimo, 11 gennaio ore 20:30.

Stiamo aggiungendo incontri quasi ogni giorno. Ricordati di esserci. La situazione evolve continuamente e la Banca Popolare di Vicenza conta sulla tua disinformazione per fare, ancora una volta, il giochetto delle 3 carte e passare in SPA per la gioia di pochi grossi azionisti e la disperazione dei piccoli.

o-o-o-o

E la prima cosa da fare e che predicheremo per i prossimi 2 mesi sarà:

NO all’SPA

Ti chiederai?
PERCHE’ VOTARE NO SPA ?
( quando molti dicono che è l’unica soluzione per portare a casa qualcosa ? )

Innanzitutto perché non è vero che è l’unica soluzione e non è vero che si possa portare a casa qualcosa.
Insomma, i motivi sono tnati ma qui te ne vogliamo far capire solo uno. Per gli altri vieni ai nostri incontri.

IL CDA DI BpVi DA ANNI SOTTACE UN SACCO DI COSE E, DA MESI …

  1. Da mesi il CDA di Banca Popolare di VIcenza (che ti ricordo che per i 2/3 è composto dalla medesime persone che hanno portato la Banca nella condizione in cui siamo) ci racconta solo storielle. Non lo diciamo noi. Lo dicono loro. E ora ti spiego:Dai un’occhiata a questo COMUNICATO STAMPA nel quale il 21 settembre 2015 Banca Popolare di Vicenza annunciava un aumento di capitale di 1.5 miliardi garantito (udite udite) da Unicredit e da una cordata di Banche in cui c’è anche Deutsch Bank .
    Se non sei mai venuto a uno dei nostri incontri e non conosci la misera condizione di Unicredit (spesso taciuta agli stessi dipendenti), non ti viene da ridere quando senti parlare di Deutsch Bank che mette soldi in Popolare di Vicenza?

    Deutsch Bank, invece, è sistemata così come puoi leggere su Panorama dell’8 Ottobre

    Tu dirai: ma non potevano saperlo il 21 settembre. Lo sapevano eccome! Guarda questo articolo del Sole24Ore del 5 Giugno.

  2. Leggi il Giornale di Vicenza del 5 gennaio 2016 . Questo articolo, a dir poco imbarazzante (in effetti deve essere sfuggito alla stringente censura) per Veneto Banca e per Popolare di Vicenza, spiega, sia pur in termini tecnici, come l’entrata in borsa non sarà per nulla scontata e non sarà una passeggiata per nessuna delle due banche. Altro che i proclami trionfalistici !

MORALE

Il CDA di Banca Popolare di Vicenza sta raccontando storie da anni
(e negli ultimi mesi hanno dato il meglio di sé):

  1. a noi
  2. alla stampa
  3. ai dipendenti ( ultimi chiamati a credere a questo imbarazzante CDA )
  4. a tutti

Per cui, come si fa a fidarsi di queste persone?
Per questo diciamo:
NO SPA

E dopo ci sono 100 diverse scelte che si possono fare.

La SPA non è una scelta obbligata per Legge come invece vorrebbero farti credere. Non lo è mai stata. Vieni a uno dei nostri incontri e saprai, documenti alla mano, le cose così come sono e ascolterai le ultimissime informazioni su questa paradossale vicenda.

Vi diciamo onestamente:
se non la stessimo vivendo di persona, non ci crederemmo nemmeno noi.
Saremmo più disposti a credere a uno sbarco su Marte nel Marzo del 2016.

Se sei arrivato fin qui meriti un grazie per l’attenzione e te lo diciamo con tutto il cuore.

A presto.