8-11-2018 a Roma

8-11-2018 a Roma

L’8 novembre l’associazione “Noi che credevamo nella bpvi” è stata convocata a Roma al M.E.F. per visionare i documenti relativi alla Legge di risarcimento dei risparmiatori. Speriamo in quella sede di veder sparire le mille voci che si susseguono sulla norma che ci riguarda direttamente e che sembra, a sentire i commenti di chi l’ha vista, molto limitante per i risparmiatori. Noi non siamo mai stati convocati se non in via preliminare a Roma, a differenza delle associazioni istituzionali che più volte hanno incontrato i sottosegretari preposti.
Restiamo in attesa di leggere quanto scritto dal governo.


Le “sofferenze” di Gianni Zonin

Domenico Zonin: «mio padre soffre, BpVi ci ha danneggiati»

Dott Domenico Zonin,
rispondo a lei come al fratello che dalle pagine di quotidiani Nazionali ( MOLTI DEI QUALI SI GUARDANO BENE DAL PUBBLICARCI ) continuate in un azione giustificativa che risulta come l’ennesimo smacco alla sensibilità dei risparmiatori della Banca Popolare di Vicenza…

Prendiamo atto comunque che lei stesso definisce Gianni Zonin un accentratore… che lo è sempre stato sia in famiglia che in azienda … questo conferma ciò che molti sostengono con noi sul fatto che mai ha voluto ascoltare critiche in assemblea dei risparmiatori della banca e che, visto il ruolo e la personalità, non poteva non sapere ciò che stava accadendo.

In ultima analisi, per non scendere in un dibattito che sarebbe opportuno fare pubblico, da sottolineare la battuta sulla sofferenza che lo stesso …Gianni… starebbe patendo oggi … sofferenza che non può che essere morale visto che di certo la perdita delle azioni non lo ha minimamente intaccato o impoverito economicamente… cosa che invece è capitata a decine di migliaia di famiglie che patiscono e soffrono non solo per la beffa morale, ma anche quella economica che in alcuni casi è gravissima tanto da compromettere la serenità familiare e futura.…

Molti di quei soldi erano sudore e sangue di gente onesta che non gira con la scorta e l’autista… eppure molta di questa gente continua a lottare soffrendo per chiedere VERITÀ e giustizia in questa vicenda e Noi dell’associazione “Noi che credevamo nella BPVI” …con loro …

Luigi Ugone,
Presidente associazione “Noi che credevamo nella BPVI”



Assemblea Ordinaria BPVI del 28/4/2017


Pubblichiamo i video di tutti i nostri interventi relativi all’assemblea ordinaria Popolare di Vicenza del 28/04/2017  a cui siamo stati presenti con numerosi soci, venuti anche da lontano, avvocati ed economisti. Ringraziamo tutti quelli che hanno voluto esserci.

https://youtu.be/Jb3b4b0Sb9w
Luigi Ugone, socio Presidente – primo intervento

Annarita Toniollo, socio
https://youtu.be/jObvPobFLUI

dr. Fabio Lugano – economista e consulente
https://youtu.be/Svkm_Gk35yo

Luigi Ugone, socio Presidente – secondo intervento
https://youtu.be/0q9yU9TzB54

Daniele Marangoni, socio
https://youtu.be/ijReOLLumEE

avv. Andrea Filippini del foro di Verona
https://youtu.be/nHSD7y4uCqs

Franco Cusinato, socio
https://youtu.be/FITPMyfBGbM

Luigi Ugone, socio Presidente – terzo intervento
https://youtu.be/Ykhb5X7RGvQ

 

 


Noi che credevamo a Veneto Banca

L’Associazione “Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza“, la più numerosa associazione di azionisti dell’istituto berico, parteciperà con un suo delegato all’assemblea di Veneto Banca dell’8 agosto 2016 in rappresentanza e tutela anche delle decine di soci di Veneto Banca che rappresenta non sottovalutando il fatto che i destini dei due istituti sono inevitabilmente incrociati. Atlante, infatti, è padrone unico e indiscusso di entrambi gli istituti che ha acquisito ad un prezzo vergognoso e imbarazzante.

Sottolineiamo la necessità ineluttabile da parte del padrone di un segnale forte e inequivocabile come l’azione di responsabilità per entrambi gli istituti che coinvolga, nella sua pianificazione, anche i medio-piccoli azionisti finora relegati al ruolo di vittime di un progetto speculativo che va a discapito del risparmio e del territorio.