Nessuno ne parla eppur si muove

Nessuno ne parla eppur si muove


I media ne parlano poco e ne danno poco risalto, ma abbiamo visionato i documenti del nuovo processo penale a Vicenza che riguarda gli stessi imputati (Zonin & C) del primo processo.

I capi di imputazioni che ci sono li riteniamo interessanti e crediamo sia un’opportunità per tutti i risparmiatori incappati nelle vicenda popolari venete.

Invitiamo tutte le associazioni a considerare l’opportunità di costituirsi con i loro associati.


Richieste di sequestro

Questa mattina abbiamo depositato al GIP di Vicenza richiesta di sequestro per oltre 51 milioni di euro nei confronti degli imputati del processo banca popolare di Vicenza .
Altre richieste di sequestro verranno presentate dai legali che assistono i nostri associati nei prossimi giorni.


Ecco come funzionavano i controlli in Popolare di Vicenza…. e la tua banca ….è sicura???

Se le ispezioni si limitano a semplici richieste di documenti da parte degli ispettori, quanti Zonin si possono nascondere nei CdA delle banche?

VICENZA. Chiuso anche l’ultimo filone d’inchiesta su Bpvi, quello relativo al solo reato di ostacolo alla Vigilanza nei confronti di Consob con riferimento all’aumento di capitale del 2014 (è il fascicolo tornato da Milano). La Procura di Vicenza ha completato le indagini contestando agli otto indagati (Gianni Zonin, Samuele Sorato, Emanuele Giustini Andrea Piazzetta, Paolo Marin, Massimiliano Pellegrini, Giuseppe Zigliotto e Bpvi in liquidazione) nuove violazioni: l’ostacolo alla Vigilanza è stato esteso infatti anche a Bce e Bankitalia relativamente all’ispezione del marzo-agosto 2014 denominata “Asset quality review”. In pratica gli ex vertici dell’istituto berico avrebbero omesso comunicazioni importanti agli ispettori e in particolare non avrebbero riferito dei finanziamenti per l’acquisto di azioni proprie (728 milioni di euro) e delle relative lettere della banca che si impegnava al riacquisto o a garantire un rendimento.

Gli indagati hanno 20 giorni di tempo per presentare le memorie difensive, successivamente la Procura deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio. I pm Luigi Salvadori e Gianni Pipeschi, titolari dell’inchiesta sul tracollo, chiederanno quindi di unificare il procedimento a quello principale per il quale è in corso l’udienza preliminare. L’unificazione potrebbe avvenire già in fase di preliminare oppure, più probabilmente visti i tempi, in sede di dibattimento; la terza soluzione è quella di un processo Bpvi bis.

Intanto l’udienza di questa mattina sarà dedicata alle eccezioni delle difese degli imputati. E sempre oggi, davanti alla casa di Zonin si terrà un presidio del M5S nell’ambito del “tour” che ha come tappe i luoghi della crisi bancaria veneta. (s.t.)

http://nuovavenezia.gelocal.it/regione/2018/02/17/news/tracollo-bpvi-nuove-accuse-agli-ex-vertici-1.16491459



Banca Intesa ricorda la vecchia Popolare di Vicenza

Con rammarico annunciamo la non disponibilità fino ad oggi di Banca Intesa al confronto con i medio-piccoli risparmiatori che rappresentano il territorio.
Più volte interpellata nelle date del 17/10, 21/10, 24/11 e 13/12/2017 dalla nostra associazione, la banca non hai mai concretamente risposto, in una continuità di atteggiamenti che ricorda la vecchia presidenza Zonin nell’assoluta mancanza di confronto.
Tale supponenza continua nonostante i disservizi e disagi che tutto il territorio sta vivendo in questo periodo.
Invitiamo tutti i correntisti della vecchia Banca Popolare e Veneto Banca a riflettere su come….e se…. iniziare il rapporto con un istituto che ricorda, nei comportamenti tenuti fino ad oggi, molto delle gestioni passate.


Comunicato stampa del 21 feb 2017

Incontro con il rappresentante del Governo, sottosegretario On. Pier Paolo Baretta

Doveroso incontro oggi con il sottosegretario On. Baretta nel quale abbiamo affrontato diversi aspetti dal rilancio della banca e del territorio a una doverosa azione di responsabilità verso tutti i soggetti che hanno traghettato l’Istituto alla disastrosa situazione attuale. Con la specifica nostra richiesta di valutare le responsabilità, oltre che dell’amministrazione Zonin, anche dell’ex amministratore delegato Francesco Iorio e del suo c.d.a. fino ad arrivare a un’azione di ristoro vera e dignitosa per tutti i risparmiatori che all’interno dell’Istituto hanno investito i risparmi di una vita. Il sottosegretario ha accettato l’invito a partecipare a una delle prossime assemblee.